Lo stesso amore e la stessa passione che 16 anni fa avevano fatto nascere il Forum, il quale rimane completamente navigabile per lo storico, ci portano oggi alla nostra pagina ufficiale di Facebook dove stiamo concentrando al momento tutte le nostre energie e dove ti invitiamo fin da subito, per non perdere nemmeno un secondo di NOI, di VOI.
Ma una nuova opportunità di interazione, più costante, non solo da pc ma pure da tablet o smartphone, grazie anche alle nuove tecnologie, ci aspetta da qui a breve.
Stiamo lavorando quotidianamente per regalarvi qualcosa di nuovo, di moderno, ma allo stesso tempo passionale, come sempre.
Antonio Sanò
Con amore

 vai indietro   IL METEO.IT | Forum meteo > ilMeteo.it : Forum > ilMeteo & Segnalazioni Tempo Reale > Didattica meteo

Avvisi

 
 
Strumenti della discussione Modalità di visualizzazione
Vecchio 28-01-2017, 13:03   #1
Adriatic6792
Senior Member
 
L'avatar di Adriatic6792
 
Registrato al forum dal: Jul 2016
luogo: Polverigi (AN) nell'immediato entroterra, 140 mslm
Messaggi: 1,098
predefinito Effetto CAD (Cold air damming)

Questo fenomeno è tipico del medio Adriatico dalla Romagna all'Abruzzo specie settentrionale. Ma in cosa consiste? Il meccanismo che porta alla strutturazione del CAD è di tipo termo-dinamico; le precipitazioni in atto sui rilievi tendono a raffreddare sensibilmente gli strati troposferici più bassi portando quindi alla formazione di una massa di aria molto fredda, densa e pesante proprio nelle aree adiacenti al rilievo; questa aria fredda e densa genera una sorta di barriera invisibile che porta ad una drastica decelerazione delle correnti Nordorientali man a mano che ci si avvicina al rilievo; a ciò si va ad aggiungere un indebolimento della forza di Coriolis ( in quanto essa è proporzionale a vento) a favore della forza di gradiente ed ecco quindi che le correnti tendono a ruotare verso sinistra, e quindi nel nostro caso da Nord-Est a Nord. Il progressivo incremento della massa d'aria fredda e pesante a ridosso del rilievo genera anche un aumento della pressione in loco ed ecco quindi che la forza del gradiente barico (accelerazione da un'area a pressione maggiore verso quella a pressione minore) si inasprisce ulteriormente e le correnti subiscono un ulteriore rotazione verso sinistra e quindi nel nostro caso da N a NW o addirittura a W/NW. Parte dell'aria fredda che si è venuta a depositare quindi nelle aree interne appenniniche viene risucchiata, grazie a queste correnti da NW, verso l'entroterra e in alcuni casi fin verso le coste. Durante i giorni scorsi infatti l'Abruzzo ha assistito a nevicate di una portata eccezionale a quote relativamente basse, infatti data l'orografia/morfologia abruzzese che vede la presenza di montagne e contrafforti alti e piuttosto vicini alle coste ecco che il meccanismo del CAD sia spesso molto intenso e porti quest'aria fredda a trasferirsi anche nelle aree dell'immediato entroterra costiero (pensate alla neve caduta ad Atri ad appena 5-6 Km dalla costa). Le forti e persistenti precipitazioni hanno favorito lo sviluppo del CAD, ed hanno fatto si che l'Abruzzo specie settentrionale si sia trovato in una situazione di estrema convergenza con nevicate di intensità eccezionale a quote decisamente più basse di quanto ci si sarebbe dovuti aspettare osservando le mappe dell'altezza dello zero termico."


Ultima modifica di Adriatic6792 : 28-01-2017 a 13:05
Adriatic6792 non  è collegato  
 


Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilies sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato

Salto del forum




Powered by vBulletin - Customized by ilMeteo.it